Foto Cani - Maschio Femmina Bulldog

Risultati di uno studio approfondito condotto su testi, trattati, articoli e quesiti agli specialisti sulla sterilizzazione femminile e la castrazione maschile

PREMESSA: questo documento non vuole e non deve essere letto come una raccolta di dichiarazioni o nozioni pro o contro la sterilizzazione ma uno strumento per aiutare chi deve sottoporre il proprio animale a questo intervento e per avere bene sotto gli occhi tutte le cose giuste da fare. 

CASTRAZIONE MASCHILE
Si può procedere sull’apparato genitale maschile con due diversi interventi:
1) ORCHIECTOMIA ovvero asportando interamente i testicoli;
2) VASECTOMIA ovvero legando i cordoni (che sono formati da arteria e vena e dal dotto deferente per lo sperma) dei testicoli.
In caso di ORCHIECTOMIA si procede all’asportazione totale dei testicoli, intervento definitivo che rende il cane sterile e non più in grado di produrre testosterone (è sospesa anche l’attività ormonale).
Procedendo invece con una VASECTOMIA si procede alla legatura del funicolo spermatico. In questo modo l’attività ormonale del testicolo è mantenuta e il testosterone viene secreto normalmente. E’ un intervento che potrebbe anche essere reversibile (in umana lo è). Un cane vasectomizzato continuerà a sentire il calore delle femmine e a volerle montare, con la differenza di non poterle fecondare. Potrebbe quindi condurre una normalissima e attiva vita sessuale senza il pericolo di mettere incinta delle cagnette (se si ha l’accortezza di attendere almeno 2 mesi dall’intervento perché ci saranno pericoli di spermatozoi residui nei dotti) ma rimarrebbero alti i rischi di trasmissione di malattie veneree (es. il Sarcoma di Sticker).
Si decide di procedere ad un intervento di castrazione per vari motivi. Forse il più diffuso (a parte problemi prostatici in avanzata età dell’animale) è il CRIPTORCHIDISMO ovvero la mancata discesa nello scroto di un testicolo (CRIPTORCHIDISMO MONOLATERALE) o di entrambi (CRIPTORCHIDISMO BILATERALE). In casi infatti di testicoli ritenuti si consiglia l’asportazione degli stessi entro il 4° anno di età perché tali organi possono portare a neoplasie tumorali. Non si procede con castrazione invece in casi di MONORCHIDISMO (presenza di uno e un solo testicolo) normalmente sceso nello scroto (ovviamente se tale unico testicolo è pure ritenuto si procederà alla castrazione per i motivi sopra detti). Ci sono casi in cui i proprietari di cani criptorchidi o monorchidi procedono, in vari modi, a fare in modo che “esteticamente” questa cosa non sia visibile. Su cani criptorchidi viene eseguita una ORCHIDOPESSI ovvero il riposizionamento del testicolo ritenuto nello scroto accanto all’altro regolarmente sceso o addirittura il riposizionamento di entrambi. C’è chi lo fa solo per un estremo senso estetico e non vuole che il suo cane abbia questo “difetto”.. e c’è chi invece cerca di non far capire che esiste questo problema. E’ bene sapere che un cane criptorchide non può andare in mostra, non può essere usato come riproduttore, e via discorrendo. Presentare in gara un cane che abbia subito una orchidopessi è una frode grande!….continua su Clinicaveterinaria