Cuccioli in canileSpesa di 110 milioni, appello a non comprarli ma andare in canili

Roma, 5 dic. (Apcom) – Un appello affinchè, per Natale, non si vada nei negozi di animali per comprare dei cuccioli da regalare o fare trovare ai bambini sotto l’albero, perchè il 40% di questi ‘batuffoli’ dopo qualche mese viene abbandonato ai bordi di una strada, spesso in concomitanza con le vacanze estive, o finisce in un canile o gattile. Meglio, suggerisce l’associazione italiana a difesa degli animali e dell’ambiente, Aidaa, andare direttamente nei canili e nei gattili e adottare uno degli oltre 150.000 cani e oltre 200.000 gatti che sono stati abbandonati.

Il business del commercio di cuccioli di animali domestici, ed in particolare cuccioli di cane o di gatto nel periodo delle feste natalizie è enorme, si parla infatti di oltre 350.000 animali venduti per un giro di affari di circa 110 milioni di euro: molti di questi cuccioli sono importati illegalmente, e quindi spesso non vaccinati nè curati a dovere, arrivati in Italia dopo viaggi massacranti dai paesi dell’est Europa e moltissimi sono i casi di cuccioli morti dopo poche settimane per malattia.